ORTICOLARIO 2018

Si Salvia chi può

Il suggestivo luogo dove da 10 ani si svolge Orticolario, evento che coinvolge la natura, l’arte e il design è Villa Erba a Cernobbio sul Lago di Como dalla magica architettura di fine ’800 frequentata da Luchino Visconti che trasse ispirazioni per diverse ambientazioni dei suoi Film. Questo evento creato da Moritz Mantero con passione, competenza e tanta energia ogni anno sorprende con nuove e inaspettate proposte oltre alla indiscutibile presenza di fiori e piante. Il tema quest’anno è stato il Gioco e la specie di pianta la Salvia, magica, purificatrice e divinatoria che conta oltre 1000 tipi diversi a seconda della provenienza. Il Gioco è stato interpretato dai partecipanti nei modi più curiosi ed intriganti; il vincitore degli “spazi creativi” Leonardo Magatti ha presentato “La Topitta” una casetta rifugio in un bosco fatato circondata da verbene, salvia, achillea, astor, veroniche e anemoni, Julia Artico non in concorso ha creato un’installazione interattiva del Gioco dell’Oca un po’ dimenticato con piastre di ferro e oche e ragazze di fieno, materiale povero che nelle magiche mani di Julia prende vita, all’ingresso un gigantesco carillon rosso fuoco di Nicola Salvatore, e labirinti a specchi tra le viti, brandelli di preziose sete comasche tra i bambù e decine di altre presenze. C’è stato un ospite d’onore a cui è stato assegnato il premio “Per un giardinaggio evoluto 2018”: l’inglese Roy Lancaster vicepresidente della Royal Horticultural Society e scopritore di piante nonché scrittore e giornalista. La mattinata dell’apertura di Orticolario ha visto, oltre alle presenze molto aumentate di visitatori anche numerosissime classi di scolari delle prime scuole elementari e questo non può che essere il seme per una sempre maggiore passione e conoscenza della natura e un modo di convivere con lei con rispetto e amore in cambio di tanta bellezza.

Testo e foto Giovanna Dal Magro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.